Subscribe to our newsletter:

Il Principe di Nicolò Machiavell

$1.99
iPhone / iPad
Genres:
  • Education
  • Book
I want this app
Download from AppStore

Il Principe (Titolo originale "De Principatibus, lett. "Riguardo i Principati") è un trattato di dottrina politica composto da Niccolò Machiavelli nel 1513 mentre si trovava a Sant'Andrea in Percussina, confinato in seguito al ritorno della casata Medici (1512), seguita ad un'accusa di aver partecipato alla congiura antimedicea di Pier Paolo Boscoli. Machiavelli dedicò l'opera a Lorenzo II de' Medici, figlio di Piero II de' Medici, con la speranza di riacquistare l'incarico di Segretario della Repubblica, e fu pubblicata postuma nel 1532. Si tratta senza dubbio della sua opera più rinomata, quella dalle cui massime (spesso superficialmente interpretate) sono nati il sostantivo "machiavellismo" e l'aggettivo "machiavellico".
La prima menzione di questa opera si ha nella Lettera a Francesco Vettori datata il 10 dicembre 1513 indirizzata all'amico Francesco Vettori, in risposta ad una lettera di quest'ultimo che raccontava la sua vita a Roma e che chiedeva notizie sulla vita che conduceva Machiavelli a Sant'Andrea. Quest'ultimo rispondendo raccontandogli gli aspetti rozzi della vita in campagna e parlando anche dei suoi studi, dichiara di aver composto un "opuscolo" intitolato De principatibus.
È un'opera non ascrivibile a un genere particolare in quanto non ha le caratteristiche di un vero e proprio trattato. Se ne è ipotizzata la natura di libriccino a carattere divulgativo.
L'intera opera fu composta nella seconda metà del 1513 all'Albergaccio, tranne la Dedica a Lorenzo de' Medici e l'ultimo capitolo, composti pochi anni dopo. La prima edizione a stampa fu edita nel 1532.
Il Principe si compone di una Dedica e ventisei capitoli di varia lunghezza; l'ultimo capitolo consiste nell'appello ai de' Medici ad accettare le tesi espresse nel testo.